Le cappelle

LA CAPPELLA DELL’ADORAZIONE

Può accogliere 130 persone di cui 5 disabili ed è stata inaugurata il 18 giugno 1995.
E’ situata sulla Prateria nella parte posteriore della Chiesa di Santa Bernadette. Qui è possibile l’incontro con Cristo eucaristia e la preghiera personale. Il tabernacolo sotto forma di colonna di legno dorato ricorda l’esodo d’Israele guidato da una colonna di fuoco verso la terra promessa. I 12 pilastri della struttura simboleggiano i 12 apostoli fondamenta della Chiesa. L’Adorazione si svolge da aprile ad ottobre dalle ore 18:00 alle ore 24:00.

LA TENDA DELL’ADORAZIONE

E’ situata in fondo alla Prateria, eretta dal Santuario per facilitare l’accessibilità ai pellegrini e disabili a questo momento celebrativo del nostro pellegrinaggio.
E’ capace di contenere circa 500 persone e qui viene esposto il Santissimo Sacramento dalle ore 9:00 alle ore 17:00 durante la stagione dei pellegrinaggi (l’Adorazione sempre silenziosa).
Alle ore 8:00 viene celebrata la Messa con la consacrazione dell’Ostia per l’ostensione.

LA CAPPELLA ST. JOSEPH

Ha una capienza massima di 450 persone di cui 80 disabili in carrozzina. E’ aperta da aprile ad ottobre dalle ore 6:00 alle ore 22:00 ed è situata lungo il viale alberato che costeggia la riva sinistra del Gave vicino al Calvario dei Bretoni. E’ stata realizzata nel 1968 dall’architetto Pietro Vago.

LA CAPPELLA DELLA RICONCILIAZIONE

La confessione è il punto di partenza per incontrare Maria. Da sempre il pellegrino sente l’esigenza di scaricare il peso del suo peccato in risposta al messaggio di Maria a Bernadette, che richiama più volte la preghiera per i peccatori.
Un confessore è presente ogni giorno. Durante il pellegrinaggio il momento penitenziale è puntualmente proposto ma anche al di fuori di questo momento è possibile incontrarsi con un sacerdote.
La cappella si trova alla sinistra della vergine incoronata dei pressi del centro Giovanni Paolo II (ex Asile Notre Dame). All’interno sono a disposizione 48 confessionali suddivisi per lingua e una traccia di meditazione personale in preparazione al momento della confessione.
Vicino alla cappella è posta la statua del Curato d’Ars, che trascorreva molte ore a confessare i numerosi penitenti che da ogni luogo venivano a confessarsi nel suo piccolo villaggio.

I commenti sono chiusi.